Kiwi dieta gruppo sanguigno (960x683)

Kiwi

Il kiwi, della famiglia delle Actinidiacee, è una pianta nativa della valle cinese del fiume Yang-tse, il famoso Fiume Azzurro da cui prendeva il kiwi erbariosuo nome originario: Yangtao, e dove ancora cresce spontanea vicino ai corsi d’acqua. L’imperatore Gran Khan lo consumava alla sua corte più di 700 anni fa.
Nel XV sec. Chiu Huang Pen Tsao catalogò per primo questa pianta con il nome Mihoutao.
Le prime piante furono introdotte in Gran Bretagna e coltivate nei dintorni di Londra dal 1847 da Robert Fortune per conto dell’orto botanico di Kew.
Padre Paul Guillaume Farges, un botanico francese che stava facendo il missionario a Sichuan alla fine dell’800, inviò un esemplare di questa pianta in Francia a Maurice de Vilmorin.
kiwi uccelloIl kiwi iniziò ad essere commercializzato dopo che E. Wilson introdusse direttamente i frutti dalla Cina in Inghilterra.
Nel 1904 dei cloni di kiwi furono inviati dalla Cina anche alla Nuova Zelanda da Isabel Fraser, in quel paese per visitare la sorella missionaria. E furono proprio i Neozelandesi, nel 1959, a diffondere una varietà commerciale di questo frutto dandogli il nome dell’uccello simbolo della loro nazione, il kiwi appunto. Il motivo di questo appellativo sarebbe nella somiglianza fra il frutto e l’animale; i Francesi in effetti lo chiamano “topo”.
Nel 1965 arrivò anche negli Stati Uniti.
In Italia le coltivazioni si diffondono negli anni ’60 in Veneto, Romagna, Friuli, Trentino, Piemonte, Lazio e Marche. La provincia di Latina detiene ad oggi il primato mondiale per la produzione di kiwi, ed ha ottenuto il riconoscimento IGP per il suo prodotto. In Italia si coltiva molto anche in provincia di Vercelli e di Cuneo. Altri grandi produttori sono la Cina, la Nuova Zelanda, il Cile, la Francia e la Grecia.kiwi filari

La pianta del kiwi è un rampicante che può superare i 10 metri di altezza attaccandosi a un supporto con i suoi viticci. Le foglie maturando passano da una forma a cuore appuntita ad una più tondeggiante e convessa. I rami vecchi sono ricoperti da una corteccia ruvida, mentre quelli giovani appaiono teneri e verdi. I fiori sono bianchi, a cinque o sei petali, attaccati ad un picciolo peloso; quelli maschili si uniscono in grappoli.
Il frutto è una bacca dalla forma ovale che varia dai 2 ai 5 cm di larghezza e dai 4 agli 8 di lunghezza; è ricoperto da una buccia marrone più o meno pelosa che ha lo scopo di difendere la polpa dai raggi solari che altrimenti distruggerebbero la vitamina C. La polpa appare per la maggior parte delle varietà di un colore verde acceso con al centro un cuore fibroso bianco attorniato da centinaia di piccoli semi neri.

Esistono varietà a polpa verde, fra cui: le Actinidia Deliciosa Harward, Early Grenn e Summer; a polpa gialla, fra cui: le Actinidia Chinensis Soreli, Hort e Jintao; e varietà a polpa rossa, come la Actinidia Arguta.
La varietà Harwand ha la caratteristica di poter essere conservata in frigo per diversi mesi.
È entrato da poco in commercio il kiwi giallo Soreli, detto kiwi ananas, meno acido e più acquoso.

La pianta sopporta temperature sia molto alte che molto basse; si raccoglie a settembre e ottobre, ma il frutto è venduto tutto l’anno perché si conserva bene. Per accelerarne la maturazione una volta raccolto è sufficiente tenerlo vicino a delle mele.
I gatti sembrano attratti da questa pianta, diventandone uno dei nemici maggiori in campagna.

Il sapore è acidulo e aumenta in dolcezza con la maturazione. La polpa si usa per produrre succhi, sciroppi, conserve o marmellate; la buccia, ricca di tannini, può essere mangiata previa lavatura con acqua; si consuma anche l’olio di semi di kiwi, utilizzato anche in cosmesi e in farmacologia.

Il kiwi è ricco di acqua, fibre e carboidrati (fruttosio e glucosio soprattutto), vitamina C e nicotinamide.

 

Eventi dedicati ai kiwi:
Festa del kiwi a Padova
Sagra del kiwi a Pizzale (PV)
Mostra regionale del kiwi a Fontanafredda (PN)
Sagra del kiwi a Bibiana (TO)
Sagra dell’uva, kiwi, pesche e vini a Colonna (RM)
Festa del kiwi a Modigliana (FC)

Neutro per i gruppi 0, A e B. Benefico per il gruppo AB

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *