Torino di notte

Visitare Torino

COSA VEDERE A TORINO

L’evento mozziano di domenica 30 ottobre può essere un’ottima occasione, per chi arriva da fuori Torino, per scoprire (o riscoprire) le bellezze di questa splendida città millenaria. Prima capitale del Regno d’Italia, capoluogo del Ducato di Savoia e grande polo industriale del XX secolo, negli ultimi anni Torino ha iniziato a reinventarsi e rinnovarsi, operando un cambiamento da centro industriale a imperdibile meta culturale. In questa pagina vi elenchiamo alcuni dei moltissimi luoghi possibili da visitare in un fine settimana.

Mole antonelliana- Museo del cinema
Mole antonelianaVero simbolo architettonico della città, la Mole fu costruita dal 1863 al 1889 su progetto dell’architetto novarese Alessandro Antonelli. Questo singolare edificio a base quadrata fu inizialmente progettato per diventare una sinagoga, ma fu acquistato dal Comune di Torino mentre era ancora in costruzione e divenne il simbolo dell’unità nazionale. Al momento della sua inaugurazione, con la sua altezza totale di 167,5 metri, era la costruzione in muratura più alta d’Europa.
Nel 1961 fu installato un ascensore panoramico dalla cabina in cristallo trasparente, che permette di salire fino al “tempietto” posto in cima all’edificio e di osservare lo stupendo panorama della città nella sua interezza.
A partire dal 2000 la Mole ospita al suo interno le collezioni del Museo Nazionale del Cinema di Torino, in un bellissimo allestimento espositivo ideato dallo scenografo svizzero François Confino.
Per informazioni su orari e tariffe: www.museocinema.it

Palazzo reale di Torino
Palazzo realeAffacciato sulla bellissima Piazza Castello, nel pieno centro della città, il Palazzo Reale di Torino è la prima e più importante residenza dei Savoia in Piemonte, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1997. Fu la residenza del re di Sardegna fino al 1659, e successivamente di Vittorio Emanuele II, Re d’Italia, fino al 1865. Venne iniziato nel XVI secolo e nel corso del tempo fu oggetto di numerose sovrapposizioni di stili ed elementi architettonici a seconda delle esigenze funzionali e del gusto dei sovrani della dinastia sabauda. Tra i molti architetti che vi lavorarono si ricordano Ascanio Vittozzi, Carlo Morello e Filippo Juvarra.
Il biglietto di ingresso al Palazzo permette l’accesso al percorso di visita ai Musei Reali, che comprendono l’Appartamento di Rappresentanza, l’armeria Reale, la Galleria Sabauda e il Museo d’Antichità.
Per ulteriori informazioni: www.ilpalazzorealeditorino.it

 

Museo Egizio
museo egizioFondato nel 1824 da Carlo Felice di Savoia, il Museo Egizio di Torino è il più antico museo del mondo dedicato interamente alla civiltà egizia ed è attualmente il più importante subito dopo il Museo del Cairo. La sua collezione è composta da più di 37000 reperti, tra cui la tomba intatta di Kha e Merit, il tempio rupestre di Ellesija, statue, mummie, papiri e molto altro.
Nel marzo 2015 sono terminati i lavori di restauro del museo, durati tre anni e mezzo. Il nuovo percorso è stato ufficialmente inaugurato il 1° aprile 2015 e in poco più di un anno ha superato il traguardo di un milione di visitatori.
Per ulteriori informazioni: www.museoegizio.it

Reggia di Venaria Reale
La reggia di venariaLa reggia di Venaria è una delle residenze della dinastia sabauda dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1997. Questa reggia d Fu costruita dal 1658 al 1679 dagli architetti Amedeo di Castellamonte. Nel 1693 alcune parti della Reggia furono distrutte dai francesi e ulteriormente danneggiate durante l’assedio di Torino del 1706. Fu quindi avviato un progetto di rinnovamento e ampliamento, affidato a Michelangelo Garove e successivamente a Filippo Juvarra: fu quest’ultimo a progettare la Galleria Grande (detta anche Galleria di Diana) e l’edificio chiamato “Scuderia grande” o “Citroniera”, che costituiscono un meraviglioso esempio dell’architettura barocca. Nel periodo della Restaurazione la Reggia fu convertita in caserma e in scuola di equitazione militare, subendo un degrado progressivo che continuò per tutto il XIX secolo.
Nel 1998 iniziò una grandiosa opera di restauro dell’intero complesso, che fu riaperto al pubblico nel 2007.
Per ulteriori informazioni: www.lavenaria.it

 

Parco del Valentino e Borgo Medievale
valentinoIl Parco del Valentino è il più famoso parco pubblico di Torino, realizzato a metà del XIX secolo lungo la riva sinistra del fiume Po, affacciato davanti alla collina.. Ispirato ai principi del giardino “all’inglese”, il progetto dell’architetto francese Barillet-Descamps consiste in un’armoniosa composizione di boschetti, viali e vallette artificiali accuratamente disposti su una superficie di circa 421000 mq. All’interno del parco i visitatori possono ammirare il Castello del Valentino, splendida dimora della Casa Savoia del XVI secolo, oggi di proprietà del Politecnico di Torino.
Nel 1884 fu realizzato il Borgo Medievale, una ricostruzione fedele dei principali elementi stilistici dell’architettura medievale piemontese, completo di Rocca e giardino interno visitabili.
Per orari e tariffe: www.borgomedievaletorino.it/

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *